L’inizio della mia passione fotografica (1 parte)

Bene,

eccomi di nuovo sul blog, per raccontare come è cominciata la mia passione per la fotografia.

Prima di arrivare al digitale
mi sono dedicato sin da ragazzo alla fotografia analogica, e come succede credo un pò con tutti gli hobby, avevo messo da parte negli ultimi tempi la mia passione iniziale, sia per le vicissitudini che fanno parte della vita di tutte le persone (acquisto della casa, trasferimenti, matrimono, figli da portare a scuola, ecc), sia perchè una serie di altri interessi come il computer (vi ricordate il Commodore VIC20, il 64, lo ZX Spectrum?, fanno parte di molte ore di sonno perse) e la musica (la mia stupenda Fender Stratocaster, il basso Fender Musicmaster, un pò di tastiere, ecc) mi avevano fatto accantonare la fotografia; d’altronde, purtroppo, le 24 ore di una giornata non bastano per saziare la mia voglia di imparare e conoscere cose nuove.

Devo dire che mio padre ha stimolato in maniera sensibile la mia passione fotografica.
Mi piaceva guardare le foto in BN da lui scattate sin dal tempo del suo matrimonio, a noi che eravamo piccoli, ai soliti incontri con i parenti, finchè gli ho chiesto di poter usare la sua Agfa Silette (tempi di 1/25, 1/50,1/200 e posa B, obbiettivo Afga Agnar 1:3,5, 45mm ), il suo esposimetro al selenio esterno, e sono andato a comprarmi un rullino in BN (credo di avere ancora il negativo conservato).
Avevo 14 anni, ed era il 1976 (ora sapete anche quanti anni ho).


L’uso dell’esposimetro esterno, con le sue chiare scale relative alla sensibilità e alle coppie tempo/diaframma, mi aiutò molto nelle fasi iniziali, e mi consentì di impararle con facilità .

Arrivato in prima superiore, all’Istituto Tecnico Industriale Giua di Cagliari, mentre raccoglievo i soldi per la mia prima fotocamera, ho portato a scuola l’Almanacco di Fotografare, con una sovracopertina per non farmi notare, ma venni tragicamente chiamato dal professore di disegno tecnico, l’ing. Palomba, che mi raggelò dicendomi “Tu, portami qua quel libro che hai sul banco”. Mi preparai ad un cazziatone, e glielo portai, ma fortunatamente era un appassionato di fotografia, oltre che regista, e mi parlò della sua reflex Konica.

Riuscii ad usare per un pò di tempo, al posto dell’Agfa Silette, una Canonet QL, una discreta macchina a telemetro di mio zio che finalmente aveva l’esposimetro incorporato, e allora nacque la mia passione per le Canon.

Un mio compagno di scuola mi disse che si sviluppava i rullini, e mi portò il giorno dopo la sua sviluppatrice. Dopo aver fatto alcune prove alla luce del giorno per capire la tecnica per caricare la pellicola nella spirale, scattai velocemente un rullino Ilford FP4, mi chiusi dentro l’armadio della mia camera, e sigillai con nastro isolante nero le fessure degli sportelli, per cercare di ottenere il buio più completo che potessi. Il caldo, ed il rischio di asfissia, erano abbastanza elevati, dato anche che, essendo la prima volta, non fu affatto facile riuscire a caricare la pellicola.
Una volta riuscito nell’intento, cominciai a sperimentare i vari sviluppi e fissaggi, provando D76-ID11, Rodinal, Agefix e vari altri.

Naturalmente mi comprai subito una sviluppatrice Paterson, ormai il morbo della fotografia si stava impossessando di me, gli esperimenti con altre pellicole, HP4, Pan-F ecc dovevano essere trasferiti su carta, e così cominciai a chiedere a mio padre di comprare un ingranditore, e dopo qualche tempo arrivò un bellissimo Philips con il suo obbiettivo Rodenstock da 50mm, che costava allora 70.000 lire, un paio di bacinelle e di bottiglie, e via a stampare in una camera oscura ricavata in un angolo di un magazzino.

Beh, ricordo ancora come mi tremavano le mani dall’emozione quando vidi apparire l’immagine sul primo foglio stampato in camera oscura.

Finalmente avevo messo da parte i soldi per la mia prima reflex, e fu così che acquistai, di importazione “parallela” una Canon AT-1, completamente manuale, con il suo 50mm 1.8.

Ricordo ancora anche l’odore che aveva quando la usavo le prime volte, appena tolta dalla scatola.

La rigiravo tra le mani, finalmente avevo una vera macchina fotografica, è proprio vero che quando attendi tanto di avere qualcosa che veramente desideri, provi qualcosa di speciale nel momento in cui la ottieni.
L’obbiettivo era intercambiabile, e questo significava …. altri soldi da spendere, che proprio non avevo.

>>> Lascia un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...